Calorie e aperitivi: come restare in linea senza rinunce

Non tutti i cocktail sono uguali, infatti, se alcuni valgono quanto un doppio pasto, altri ce li possiamo anche permettere senza grandi sensi di colpa
Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Schermata 2016-07-06 alle 18.06.45

Ma cosa c’è di più bello di un aperitivo al tramonto di una giornata d’estate? E’ davvero difficile dire di no a un Margarita sulla spiaggia o ad un bicchiere di prosecco in una piazzetta con le amiche o con il proprio amore.

E però… E già, un però c’è, perché l’alcol è davvero molto calorico e se pur non sembra di cibarsi di nulla, per il nostro organismo, quel bicchiere a volte vale tanto quando un panino di Mc Donald’s.

Roba da non credere, eppure, è proprio così e per chi è a dieta o ha già perso qualche chilo per essere pronto alla tanto stressante prova costume, non va proprio bene ( a patto di non nutrirvi solo di aperitivi, e anche questa può essere una scelta, poca sana, ma una scelta).

Diciamo però anche, che non tutti i cocktail sono uguali. Infatti, se alcuni valgono quanto un doppio pasto, altri ce li possiamo anche permettere senza soffrire di grandi sensi di colpa o compromettere i sacrifici fatti.

Ecco allora qualche trucco per poter restare in forma senza rinunciare troppo: lo spumante e lo champagne, per esempio, sono tra quelli meno calorici. Se il prosecco non è il vostro massimo, potete optare per un Bellini, bollicine e succo di pesca, o un Mimosa, champagne e succo d’arancia. Altrimenti ancora, andate sul sicuro con un fresco Spritz.

Evitate accuratamente i cocktail potenti, perché se la percentuale di alcol è molto alta, molto alto sarà anche il valore calorico. Per questo aggiungere alla richiesta “leggero” può risparmiare di non mangiare fino al giorno dopo per recuperare.

C’è anche un’altra opzione, un po’ estrema, ma sempre valida: la menzogna. Sì mentire non fa male se è per una buona causa. Quindi se chiedete un Mojito, ma non volete apparire maniacali e di quelli che non si godono niente, potreste chiederlo senza zucchero di canna inventando che siete diabetici (sì è un po’ eccessiva come scusa, ma sicuramente ne esistono altre meno forti e altrettanto credibili).Oppure far aggiungere della soda nel Gin Tonic.

Sono questi piccoli dettagli che fanno sì che il proprio corpo venga soddisfatto dal momento magico senza ripercussioni nei giorni successivi.

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn