Bentornata Isabella, icona di bellezza e volto (di nuovo) per Lancôme a 63 anni

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

isabella

La bellezza non ha età, e mai come ora il mondo del beauty sembra urlarlo a squarciagola. Sono sempre di più, infatti, i brand leader di cosmetici che scelgono di affidare le campagne pubblicitarie a volti più maturi. Così Lancôme ha deciso di celebrare una bellezza, a lungo musa della casa parigina: Isabella Rossellini.

La bellissima e intrigante attrice e modella, figlia di Ingrid Bergman e del regista italiano Roberto Rossellini, è stata scelta (nuovamente) proprio per rappresentare un’ idea più ampia (e consapevole) di bellezza, non limitata da fattori anagrafici.

Nel 1983, la già 63enne Isabella, venne scelta come primo volto del marchio, ricoprendo il ruolo per 14 anni. E oggi, Lancôme ha voluto riprendere quella collaborazione con l’attrice che incarna – come dichiarato da Françoise Lehmann, direttore generale del marchio – ancora i valori del brand, tra cui il benessere e la positività.

Famosa per i suoi ruoli in film cult, come Velluto blu di David Lynch o La morte ti fa bella di Zemeckis, l’attrice-icona (ri)entrerà così nella famiglia Lancôme che comprende altre attrici meravigliose come Julia Roberts, Penélope Cruz e Kate Winslet.

“Sono emozionata di tornare a Lancôme, la nostra collaborazione ha significato molto per me nella mia vita e continuare mi riempie di gioia e grandi aspettative. Sono comunque consapevole che questa decisione va ben al di là di me: si tratta di sottolineare la filosofia del marchio che è quella di celebrare tutte le donne” ha dichiarato Rossellini.

“Al di là dei valori di Lancôme, che Isabella rappresenta magnificamente, il suo viso incarna l’idea di una bellezza compiuta che è sinonimo di benessere“, ha dichiarato Françoise Lehmann, direttore generale di Lancôme.

E allora bentornata Isabella!

 

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn