Dieta alcalina, per perdere peso ma ritrovare energia e vitalità: ecco come fare

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Lo spettro dei cibi permessi e non permessi

Lo spettro dei cibi permessi e non permessi

Victoria Beckham e Gwyneth Paltrow, Kirsten Dunst e Jennifer Aniston, la decantano come la migliore delle diete mai fatte: si tratta del “metodo alcalino” ideato dal medico americano Robert Young che privilegia i cibi a bassa acidità e il Ph 7 per perdere peso, ritrovare energia e vitalità. Insomma, una vera panacea di salute.

Ma vediamo di spiegare meglio: troppi cibi animali, troppo stress, troppe tossine aumentano il nostro Ph naturale, che nella sua forma migliore deve essere tra 7 e 7.4. Se, però, esageriamo con lo stress, con i carboidrati raffinati, non ci muoviamo o lo facciamo troppo, l’organismo va in difficoltà. Cibarsi di alimenti alcalinizzanti, significa bilanciare l’equilibrio acido-basico del pH dei liquidi corporei, compresi sangue e urine. Azione che migliorerebbe notevolmente il nostro benessere psico-fisico.

Ma quali sono i cibi alcalini? Vediamo prima quelli che non lo sono: zuccheri raffinati, formaggi, carne, salumi, condimenti come l’aceto e tutti i cibi che richiedono una digestione lunga. I cibi alcalinizzanti, invece, sono per la maggior parte, tutti quelli di origine vegetale.

Secondo la dieta, bisognerebbe cibarsi per il 70-80 per cento di frutta, verdura, alghe e legumi; per il restante 20-30 per cento di carboidrati non raffinati (integrali), patate, noci, pinoli, carne, pesce e pollame, tenendo a mente che le proteine animali non devono superare i 30 grammi al giorno. In più dovremmo consumare 300-600 grammi di ortaggi a foglia verde, i più alcalinizzanti in assoluto.

Quindi da ricordare che: i cibi più acidificanti sono i formaggi, la carne e il pesce, mentre quelli più alcalinizzanti sono frutta e verdura.

Esempio di un tipico menu

Appena svegli: un bicchiere d’acqua con 1/2 cucchiaino di bicarbonato
colazione: caffè d’orzo, macedonia di frutta fresca
spuntino: 1 frutto
pranzo: insalata mista di lattuga, pomodori e radicchio, condita con un cucchiaio di olio d’oliva e succo di limone, 40g di risotto agli asparagi, 150 grammi di albicocche
merenda: 1 bicchiere di succo di frutta al naturale
aperitivo: centrifugato di carote e sedano
cena: minestrone di verdure, insalata mista condita con un cucchiaio di olio d’oliva e 2 hamburger di soia, 150 grammi di frutta
dopo cena: una tisana al finocchio

Cibi da evitare assolutamente

Latte e derivati, tra i peggiori acidificanti
Coca cola, Liquori,
Zuccheri raffinati e dolci
Alcune cotture come la frittura

Cibi da mangiare con moderazione

Farine bianche
Cibi proteici, soprattutto mischiati tra loro
Il sale, l’ideale è eliminarlo dai condimenti, altrimenti ridurlo drasticamente

Cibi ottimi

Frutta, soprattutto gli agrumi che dopo la digestione sono straordinariamente alcalinizzanti.
Verdure crude, soprattutto a foglia larga e verde, come ad esempio l’insalata.
Il miele è il dolcificante migliore proprio perché non acidifica il corpo come tutti gli altri zuccheri
Le mandorle fanno bene e si sa, ma queste sono le migliori dal punto di vista dell’equilibrio acido/base
Il miglio è orse è l’unico cereale alcalinizzante

Ecco una lista dei cibi più alcalini

Aglio
• Mele
• Cipolla
• Cachi
• Lenticchie e piselli
• Granoturco
• Salsa di soia
• Frutti di bosco
• Mandarino
• Anguria e melone
• Alghe
• Crucifere: broccoli, cavolfiori, cavolo nero, verde e tutti prodotti della famiglia.
• Barbabietole, rape, carote, ravanelli e radici commestibili, patata americana
• Verdura a foglia verde, come le erbette e gli spinaci.
• Cetriolo
• Limone
• Sedano
• Uva
• Avocado
• Albicocca e mango
• Fiori commestibili
• Tè verde
• Kiwi

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn