Fondotinta how to: cosa fare (e non fare) per avere una pelle flawless

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
I "do" e "don't" per una pelle flawless

I “do” e “don’t” per una pelle flawless

Se pensavate che l’unico scoglio tra voi e la pelle liscia, luminosa e uniforme che sfoggiano dive da red carpet e top model patinate fosse la scelta del fondotinta, preparatevi a una brutta notizia: anche una volta individuate la tonalità perfetta per la vostra carnagione, sono moltissimi i passi falsi che si possono commettere e che contribuiscono a sabotare un beauty look altrimenti impeccabile.

Non tutto, insomma, si riduce al colore: una pelle flawless si ottiene grazie a un insieme di fattori che dipendono in gran parte dal fondotinta, ma anche dalla sua applicazione e dal modo in cui viene perfezionato insieme con altri prodotti. Ecco dunque una lista di “do” e “don’t” cui attenersi scrupolosamente prima, durante e dopo la scelta di uno dei prodotti fondamentali nel beauty case di ogni donna

Do
Controllare la tonalità scelta sotto al luce naturale: la luce è fondamentale per capire se una particolare nuance è adatta alla propria carnagione, e fare affidamento soltanto su quelle artificiali rischia di “falsare” il risultato finale

Don’t
Provare il fondotinta sul polso: la pelle del viso ha una grana e una tonalità diversa rispetto a quella del polso. Per individuare la nuance più adatta a voi, provatelo sul contorno della mascella, aspettate una decina di minuti (il calore della pelle tende a ossidare il prodotto e fargli cambiare, pur impercettibilmente, il colore) e poi controllare il risultato

Do
Chiedere informazioni alle esperte: non siate timide. Meglio porgere qualche domanda in più, e individuare così il fondotinta più adatto a voi, che affidarvi solamente a gusto e sensazione. Ma siate il più precise possibile nel spiegare le vostre problematiche – pori dilatati, macchie scure, acne – in modo da mettere il make up artist in condizioni di potervi consigliare il fondotinta più adatto a voi

Don’t
Scegliere un fondotinta troppo chiaro (o troppo scuro): anche se avete la pelle diafana, non significa che la tonalità più adatta a voi sia quella più chiara a disposizione. Idem nel caso di pelle olivastra: molto spesso i brand di cosmesi mettono a punto tinte che di discostano di poco una dall’altra, ed è sempre meglio scegliere un mezzo tono più scuro (in caso di pelle chiara) o più chiaro (in caso di carnagione mediterranea), solitamente quello più adatto alla propria carnagione

Do
Fare attenzione alla texture: avete sentito parlare da un’amica delle meraviglie che su di lei ha fatto il fondotinta minerale e non vedete l’ora di acquistarlo? Fermatevi un secondo, e chiedete consiglio: non sempre la formula che funziona per una particolare tipologia di pelle è adatta anche a un’altra. Magari su di voi è perfetto un fondotinta compatto, o uno fluido e opacizzante

Don’t
Scegliere il prodotto più coprente in circolazione: anche se avete una pelle particolarmente problematica, scegliere fondotinta ad alta coprenza può rivelarsi un’arma a doppio taglio. Questo perché, pur camuffando la maggior parte delle imperfezioni, può regalare uno sgradevole e artificioso effetto maschera che può essere addirittura peggio di una piccola imperfezione rimasta visibile. Inoltre, soprattutto per chi ha problemi di acne, utilizzare fondotinta troppo pesanti può aggravare la situazione impedendo alla pelle di respirare e occludendo i pori (che poi causano la comparsa di brufoli)

Do
Sfumare bene il prodotto: che usiate pennello, spugna o semplicemente la punta delle dita, ricordate di sfumare il più possibile il fondotinta, non soltanto per ottenere un beauty look fresco, luminoso e naturale, ma anche per risparmiare. Molto spesso infatti si utilizza una quantità di prodotto eccessiva rispetto a quanto è davvero necessario: applicatene un po’ sul dorso della mano e poi sul viso, sfumandolo sino a quando non siete certe di averlo sfruttato sino in fondo. Rimarrete stupite da quanto vi durerà

Don’t
Dimenticarsi di applicarlo anche sul collo: qui non c’è molto da dire, basta pensare ai sorrisetti che spesso ci sfuggono osservando una donna avere il viso di un colore e il collo di un altro. Prima di ridere sotto i baffi, però, chiedetevi: questa mattina mi sono ricordata di sfumare il fondotinta anche sul collo?

Do
Cambiare tipologia di fondotinta in base alle stagioni: può sembrare dispendioso, è vero, ma in realtà non lo è. Acquistare due tipologie di fondotinta da alternare in base alla stagione e alle temperature aiuta non soltanto a sfoggiare sempre un look impeccabile (mai provato ad applicare il fondotinta fluido con 40 gradi?) ma anche a evitare che la nuance non sia adatta alla stagione in corso. Calcolando che il prodotto si conserva di solito per due anni, potrete andare avanti soddisfatte per almeno 8 stagioni

Don’t
Conservarlo in eterno: ok, era perfetto per voi al momento dell’acquisto, ma nel corso del tempo è possibile che la vostra pelle sia andata incontro a cambiamenti sostanziali. Osservate con attenzione il vostro viso, e se vi sembra che il fondotinta prescelto non regali più i risultati voluti prendete in considerazione l’idea di cambiarlo in favore di una nuova texture o colorazione

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn