Get the look: l’halo technique per brillare come Gigi Hadid

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Gigi Hadid
Che il contouring abbia ormai i giorni contati, i make-up artist lo dicono da un po': ottimo per le celebrity che trascorrono le giornate su set fotografici e red carpet, per gli esperti di beauty questa tecnica regala un risultato troppo “pesante” da sfoggiare quotidianamente, complice la necessità di usare, oltre al fondotinta e alla cipria, correttore in nuance chiara e scura per creare un gioco di ombre sul viso e scolpirne i tratti.

A prenderne il posto in tempi più recenti era arrivato lo strobing, versione light del contouring che prevede l’impiego del solo illuminante in punti strategici del volto (sotto gli occhi, sugli zigomi, sotto l’arcata sopracciliare e sul dorso del naso) per un look fresco e luminoso, ma negli ultimi tempi un’altra tecnica sta prendendo piede tra le star, in particolare tra le più giovani che al trucco pesante ne preferiscono uno più leggero, ma ugualmente d’effetto, che mostri tutta la loro freschezza.
L’halo technique è diventato ormai il marchio di fabbrica del neo angelo Victoria’s Secret Gigi Hadid, e come spiega il make up artist Wayne Goss consiste in un sapiente uso dell’illuminante che va a sostituire il blush: basta spalmarne una piccola quantità su tutta la guancia per regalare al viso un effetto luminoso e multisfaccettato, un “alone”, appunto, che sostituisce le linee più nette e definite del contouring.
Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn