Hai detto “smart”? Se anche la borsa si fa intelligente

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

indiegogo

Piano piano, facendosi strada anno dopo anno, la cosiddetta “Internet of things”, la Rete delle cose, degli oggetti che possono collegarsi al Web e renderci la vita più facile, si sta allargando anche all’Italia. E se per le cose delle case (frigo, lavatrice, forno e così via) c’è oggettivamente ancora da aspettare, i tempi sembrano decisamente maturi per la sottocategoria dei “wearable”, i gadget da indossare per essere sempre connessi.

Pionieri sono stati i bracciali per il fitness e gli smartwatch, che interfacciandosi con il computer o lo smartphone permettono di svolgere parecchie attività in mobilità, avendo le mani (più o meno) libere. Ma il progresso non si ferma, e adesso fra gli “indossabili” arrivano addirittura le borse, la cui praticità è stata ormai da tempo riconosciuta anche dai maschi più… maschi. Se sinora se n’erano viste con batterie incorporate (per la ricarica dello smartphone) o con lettori di schede di memoria e jack per gli auricolari, quella prodotta da Lepow è forse la prima, vera smartbag. E non solo perché si chiama HiSmart.

Presentata su Indiegogo (fra le più note piattaforme di crowdfunding insieme con Kickstarter) e capace di raccogliere “al buio” oltre 200mila dollari di fondi in meno di un mese, contro un obiettivo dichiarato di 50mila, questa messenger unisex è caratterizzata da un disco metallico non troppo piccolo, che si può spostare su manici o tracolla e funziona come una sorta di telecomando: fatto il pairing via bluetooth con il telefonino, con pochi tocchi si può gestire la libreria musicale, regolare il volume, rispondere a una chiamata, registrare un appunto vocale e pure scattare foto.

Realizzata in cuoio e “trasformabile” anche in zainetto, la HiSmart dovrebbe entrare in produzione a fine primavera e costare circa 200 dollari: chissà se anche lei, come la maggior parte di questi oggetti, sarà capace di creare (altri) bisogni che non pensavamo di avere, e dunque di diventare insostituibile.

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn