Non-touring, il makeup che c’è ma non si vede

E' una versione “light” del contouring che garantisce gli stessi effetti, che consente di delineare le zone del viso riducendo i difetti, ma evita l’effetto mascherone e assicura un risultato completamente naturale.
Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Schermata 2016-06-01 alle 16.02.16

Sai che c’è, ma non si vede: ecco la tendenza make-up del momento, nuova ossessione di Kim Kardashian, che ha abbandonato il suo amatissimo contouring per questo trucco decisamente più soft.

Si chiama “non-touring” ed è una versione “light” del contouring che garantisce gli stessi effetti, che consente di delineare le zone del viso riducendo i difetti, ma evita l’effetto mascherone e assicura un risultato completamente naturale.

Schermata 2016-06-01 alle 16.03.46

Neanche a dirlo, tra le altre celebs che si sono immediatamente convertite al nuovo trend, c’è la coppia di amiche Gigi Hadid e Kendall Jenner, la cantante Zendaya, J-Lo, la bellissima Blake Lively.

Sono tre i prodotti necessari: un primer, un illuminante e una crema colorata o una bb cream leggera. Si inizia applicando il primer per uniformare il tono della pelle e mascherare i pori. Va scelto, più o meno matt, a seconda che la pelle sia più o meno grassa.

Schermata 2016-06-01 alle 16.02.32

Quindi applicare la crema colorata o la BB cream che sarà più rosata per i fototipi chiari o più scura per chi ha la pelle olivastra. Infine, l’illuminante da applicare sulle guance, sull’arcata sopracigliare e sul ponte del naso, ossia su tutti i punti illuminati dal sole.

A differenza del contouring, che richiede una certa abilità e destrezza, il non-touring è perfetto anche per le principianti. E il risultato sarà molto più naturale e discreto perché lo scopo è proprio quello di rendere la carnagione perfetta, ma senza che il trucco si veda. Provare per credere.

 

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn