Sos capelli grigi: uno studio spiega perché le chiome perdono colore (e come prevenirlo)

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Capelli grigiPur essendo stato eletto da decine di trendsetter come il colore più in voga del momento quando si tratta di acconciatura, se non si tratta di una specifica scelta fashion difficilmente scorgere capelli grigi fare capolino tra le ciocche rende felici, e solitamente spinge a prenotare il primo appuntamento disponibile da parrucchiere. Uno spauracchio, quello delle chiome imbiancate, che può incombere anche a prescindere dai compleanni festeggiati.

E tanti sono tanti i modi messi a punto per camuffarli, ancora poco si sa della vera ragione per cui i capelli perdono la pigmentazione diventando grigi o peggio, bianchi. Almeno sino a oggi: un recente studio effettuato dagli scienziati dall’University College di Londra ha dimostrato l’esistenza di uno specifico gene responsabile delle chiome canute, e ha annunciato di essere al lavoro su una pillola che potrebbe “disinnescarlo”. La ricerca, pubblicata su Nature Communications, ha riguardato oltre 6mila volontari provenienti dall’America Latina che nell’albero genealogico contano antenati europei, africani e americani, prendendo così in esame un gigantesco patrimonio genetico che ha consentito agli studiosi di analizzare nel dettaglio la “mappa tricologica” dei partecipanti.

Il risultato dei test ha portato all’individuazione di un gene, ribattezzato Irf4 (Interfon Regulatory Factor 4), che sarebbe responsabile del prematuro imbiancamento dei capelli: complici altri fattori esterni, tra cui l’inquinamento e lo stile di vita, l’Irf4 contribuisce a impoverire il capello della melanina, la sostanza responsabile della pigmentazione della pelle e della chioma, portando così alla nascita dei capelli bianchi. Non solo: lo studio ha dimostrato anche fornito una spiegazione genetica e scientifica alle differenze “geografiche” tra le capigliature, rivelando che, per esempio, gli abitanti dei paesi molto freddi o molto caldi sono soliti avere capelli più folti e scuri, probabilmente per difendersi dagli agenti atmosferici, mentre gli europei tendono ad averli più chiari e sottili per il clima temperato.

Scienza a parte, ciò che davvero interessa a migliaia di donne (per gli uomini il capello brizzolato rimane un simbolo di fascino) è come prevenire l’insorgere degli odiati capelli bianchi. La risposta al momento sembra ancora nebulosa, e passa per integratori specifici, uno stile di vita sano e l’addio al fumo, anche se gli scienziati non escludono di riuscire prima o poi a trovare un farmaco in grado di “spegnere” il gene. Nel frattempo non resta che prendere esempio da chi ha fatto della chioma argentea una scelta di stile, e li sfoggia orgogliosa, come Lady Gaga, Helen Mirren, Rihanna e Nicole Richie.

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn