“Taglia e taci”: nasce il primo salone con la postazione “silenziosa”

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il salone Bauhaus di CardiffSin dall’alba dei tempi, le donne che si rivolgono agli esperti di bellezza si dividono tra due gruppi: quelle che amano parlare del più e del meno, trascorrendo il tempo necessario al “restyling” tra una chiacchiera persone e qualche beauty consiglio extra, e quelle che invece preferiscono chiudersi un un riservato silenzio, sfruttando le ore sotto il casco o con mani e piedi a bagno per staccare completamente.

Proprio per andare incontro alle esigenze di quest’ultimo gruppo il Bauhaus,  un salone di Cardiff, in Gran Bretagna, ha deciso di creare una postazione “silenziosa” dove le chiacchiere sono bandite. Le clienti hanno infatti due opzioni: prenotare un appuntamento tradizionale, durante il quale hair stylist e cliente possono discutere non soltanto di taglio, colore e piega ma anche farsi una chiacchierata del più e del meno, o scegliere la versione silenziata, che prevede che dopo l’iniziale recap per stabilire il trattamento desiderato il parrucchiere inizi a lavorare senza proferire verbo. E senza far sentire la cliente che preferisce sfogliare una rivista il silenzio in imbarazzo.

Il salone Bauhaus di Cardiff
“Il nostro team è pieno di persone brillanti, che amano chiacchierare: è una cosa importante per un hair stylist, e gran parte dei nostri clienti sono lieti di parlare con loro – ha spiegato Scott Miller, titolare del salone, al Wales Online – allo stesso tempo però capiamo che alcune persone hanno vite impegnatissime, e comunicano con altre persone tutto il tempo. Hanno bisogno di un po’ di sollievo. Venire da noi dev’essere un’esperienza rilassante, e se per alcuni significa raccontare quello che sta succedendo nella loro vita, non tutti sono a loro agio con le chiacchiere”.

E se per caso ci ripensaste, e decideste di uscire dal vostro guscio, sappiate che il team della Bauhaus non si tirerà indietro e sarà pronto a rompere il voto del silenzio per la temuta chiacchierata.

(Photo courtesy Bauhaus)

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn