bellezza.it - Il portale del wellness e della bellezza
bellezza.it Vai alla Home Page della sezione uomo bellezza.it Vai alla Home Page della sezione donna bellezza.it
alimentazione e peso forma fitness e forma fisica prodotti di bellezza gli esperti della bellezza forum della bellezza
viso & corpo estetica e benessere viver bene agenda della bellezza club della bellezza
capelli
mappa
Iscriviti subito al nostro CLUB

I gruppi alimentari
1) carni, pesce, uova
2) latte e derivati
3) cereali e tuberi
4) legumi
5) grassi da condimento
6) frutta e verdura

Approfondimenti
acqua
alcolici
alimenti funzionali
sale da cucina
zucchero

Il sale da cucina:
tra benefici e giuste quantità
Sale "grezzo"e "raffinato", grosso o fino, oppure marino, integrale e iodato.
In cucina o alle terme, al mare come in montagna, il sale è uno dei fondamenti delle diverse culture, in tutto il mondo.
La sua mancanza ci manda completamente in tilt, perché è l'unico alimento che riesce a dare un gusto a tutto ciò che mangiamo; un sapore che i cibi al naturale non hanno. E' una questione di palato e non solo. Direi anche di salute. Il sale fa bene al corpo e all'appetito.
Il modo più corretto di definirlo è polvere cristallina, inodore, molto solubile in acqua, che può essere estratta dal mare o dalle miniere di salgemma. Da qui, la definizione "sale femmina e sale maschio", cioé marino o minerale, delicato il primo e aggressivo il secondo.
Differenza sottile per alcuni ma importante nella scelta del suo utilizzo. Nella scelta dei cibi con cui deve essere abbinato.
Ogni gemma, ogni piccolo granello di polvere ha un piatto.
Quello bianco di Dover è ottimo nei dolci al cioccolato, quello rosa dell'Himalaya è da utilizzare con le uova e le verdure.
Dalle saline di Cervia e di Trapani provengono gli italiani più pregiati. Da macinare al momento, hanno un sapore deciso, mai amaro, e sono ideali per essere accompagnati al pesce in crosta.
Il cuore del sale alimentare è il cloruro di sodio; in condizioni normali, il suo consumo raccomandato non deve superare i 6 grammi al giorno, pari a 2,4 grammi di sodio.
L'eccesso è dovuto, in parte, all'industria alimentare per motivi di conservazione e di sapidità e, in parte, alla dose in più nella cottura e preparazione dei cibi.
In Italia, infatti, l'utilizzo di sale è doppio rispetto a quello che è fisiologicamente necessario: vengono ingeriti in media dai 10 ai 14 grammi a testa al giorno, quantità che favorisce l'instaurarsi dell'ipertensione arteriosa, soprattutto nelle persone predisposte.
Meglio, quindi, non esagerare, altrimenti a soffrirne sarà il cuore, i vasi sanguigni e i reni. E, tante ma tante malattie gravi potrebbero scatenarsi, come il tumore allo stomaco o perdite urinarie di calcio e, quindi, osteoporosi.
Ma, nelle giuste quantità, è linfa di benessere e benefici. Dai disturbi alle vie respiratorie, alle malattie della pelle, ai problemi di pressione bassa.
La cosa più importante è non astenersi dal suo utilizzo, il corpo ne risentirebbe tantissimo. Basti pensare a quando a scuola si facevano gli esperimenti in laboratorio: mettendo due fili di un circuito di corrente interrotto in un bicchiere con acqua distillata e collegandoli a una lampadina, questa non si accendeva. Invece, con l'aggiunta del sale nell'acqua, la lampadina iniziava a funzionare. Eureca.
Allo stesso modo vanno le cose nel nostro organismo che per funzionare bene ha bisogno di una giusta ed equilibrata, mai eccessiva, quantità di sale.





Richiedi le consulenze gratuite degli esperti
Dermatologo dermatologo Chirurgo Plastico chirurgo
plastico
Nutrizionista nutrizionista
Bellezza dei Denti bellezza
dei denti
Estetista estetista Hair Stylist hair
stylist
Psicologo psicologo Sessuologo sessuologo Naturopata naturopata
Personal rainer personal
trainer
Scheda Fitness scheda
fitness
Yoga maestro
di yoga


forum oroscopo manifestazioni sondaggi test test peso info club Area stampa Area Aziende