bellezza.it - Il portale del wellness e della bellezza
bellezza.it Vai alla Home Page della sezione uomo bellezza.it Vai alla Home Page della sezione donna bellezza.it
alimentazione e peso forma fitness e forma fisica prodotti di bellezza gli esperti della bellezza forum della bellezza
viso & corpo estetica e benessere viver bene agenda della bellezza club della bellezza
stress benesser e armonia
mappa
La dipendenza affettiva

Benessere e armonia
Le terapie
Il benessere nell'acqua

Vivere in armonia:
  - arte del massaggio
  - impara a rilassarti
  - rilassarsi meditando
  - yoga per indaffarati
  - attacchi di panico
  - cioccolato-dipendenza
  - cosa rende felici
  - dipendenza affettiva

  - eros e alcool
  - cybersex
  - sexting
  - durata del rapporto
  - contraccettivi
  - piacere difficile
  - nemici dell'Eros
  - cattiva sessualità
  - sofferenza e sessualità
  - sesso e bellezza
  - amore e intesa sessuale
  - tempi dell'amore
  - timidezza e sesso
  - 10 motivi per fare
    sesso

  - zone erogene
  - coppia felice? Si può!
  - impara a usare
    le mani nell'intimità

  - piacere al massimo
  - massaggio
    afrodisiaco antistress

  - impotenza
  - deficit sessuali
  - sesso e tabacco
  - coppie difficili
  - calo del desiderio

  - digiuno
  - armonia della forma
  - SPA: i trattamenti
  - sole amico dell'umore
  - dormi di più!
  - longevità
  - elisir di giovinezza
  - ore 7,30: risveglio
    in bellezza!

  - smog in casa
  - combatti il fumo
  - più sprint con NADH
  - DHEA: elisir o pericolo?
  - viaggiare sicuri
  - Italiani e benessere
  - uomini e successo

  - test: la tua giornata
  - test: l'età biologica

La dipendenza affettiva

Cosa s’intende per dipendenza affettiva?
La dipendenza affettiva è una condizione di sudditanza psicologica nei confronti di un’altra persona, per lo più il partner, tale da non riuscire ad interrompere la relazione nemmeno quando è evidente che porta solo infelicità, dolore, malumori, o addirittura violenza e maltrattamenti.
È come una droga
: si sa che fa male ma non se ne può fare a meno e questo perché chi soffre di dipendenza affettiva è convinto in cuor suo di non valere nulla, di non essere quasi autorizzato a vivere. Pensa di poter vivere solo di riflesso all’interno di un rapporto colloso con qualcun altro.
Le persone che soffrono di dipendenza affettiva sono convinte che l’amore si esprima attraverso una mescolanza totale con l’altro, un annullamento della propria autonomia nell’illusione di trovare pace e benessere nella simbiosi. Annullano se stessi, ma anche il loro partner, sul quale vorrebbero esercitare un costante controllo. Tipiche le domande assillanti: dove vai? Con chi vai? Perché vai? Perché non stai con me? Mi ami? Quanto mi ami?
Chi soffre di questa dipendenza ha paura a restare da solo e teme di perdere i punti di riferimento. Tutti abbiamo bisogno di amore e punti di riferimento perché ci danno forza e ci sostengono nel realizzare con energia la nostra vita. In chi è dipendente, però, diventano fine a se stessi. Pur di poter dire di avere qualcuno che li ama sono disposti ad una relazione soffocante o addirittura caratterizzata da maltrattamenti.

Quando la dipendenza affettiva diventa patologica?
Le relazioni dipendenti sono sempre patologiche, ma c’è sicuramente una soglia oltre la quale inizia la pericolosità. Il pericolo inizia quando entrambi i partner accettano la relazione di dipendenza e si rendono complici nel mantenerla. Il rapporto si fa soffocante, iniziano malumori, accuse, litigi, abusi psicologici e maltrattamenti. La coppia si chiude in un legame soffocante. Nessuno dei due è contento ma nessuno dei due vuole cambiare le cose.

Cosa fare quando ci accorgiamo che stiamo amando “male”?
Già il fatto di accorgersi che si sta entrando in un rapporto soffocante e distruttivo è molto. Il più delle volte le persone non se ne accorgono affatto. In certi casi diventa dunque necessario rivolgersi ad uno psicoterapeuta, perché la dipendenza affettiva è la punta di un iceberg ed esprime una condizione di un disagio molto più profondo.

Importantissimo è attivare comportamenti che hanno una finalità preventiva.
Ci sono quattro aree della vita che vanno presidiate.

1) Interessi personali: è importante avere interessi in modo autonomo rispetto al partner. Quando ci si accorge che non si hanno più interessi personali e non si frequenta più nessuno con cui condividere questi interessi, questo è un segnale d’allarme.
2) Interessi comuni: la coppia sana ha interessi che coltiva di comune accordo. Può essere uno sport, la lettura dei quotidiani, la passione per il cinema o la musica. Tutto va bene, purché metta nella condizione di dialogare e scambiarsi opinioni.
Altro campanello d’allarme è accorgersi che non si parla più di nulla e che gli unici contatti verbali servono a litigare o ad instaurare banali comunicazioni, questo.
3) Isolamento sociale
: la coppia, per stare bene, ha bisogno di vivere nella comunità. Non è sufficiente amarsi, bisogna confrontarsi con gli altri e frequentare persone diverse da quelle della cerchia ristretta dei familiari.
4) Maltrattamenti: l’amore è fatto di rispetto, non si deve mai tollerare nessun tipo di abuso né fisico né psicologico.

Partecipa al nostro sondaggio per esprimere la tua opinione e scoprire quanti la pensano come te.

A cura della Dott.ssa Adelaide Baldo
Medico Psicoterapeuta

Vuoi contattare la nostra esperta per chiedere consigli, sciogliere dei dubbi, soddisfare le tue curiosità per quanto riguarda “il mal d’amore”? Clicca qui!






Richiedi le consulenze gratuite degli esperti
Dermatologo dermatologo Chirurgo Plastico chirurgo
plastico
Nutrizionista nutrizionista
Bellezza dei Denti bellezza
dei denti
Estetista estetista Hair Stylist hair
stylist
Psicologo psicologo Sessuologo sessuologo Naturopata naturopata
Personal rainer personal
trainer
Scheda Fitness scheda
fitness
Yoga maestro
di yoga


forum oroscopo manifestazioni sondaggi test test peso info club Area stampa Area Aziende