Pasta, stop ai falsi miti: non fa ingrassare

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

pasta
Ormai attaccata da ogni parte, tranne dai medici che ne esaltano sempre le qualità e i benefici, la pasta si divide ormai tra amanti e detrattori. Su di lei si è detto tutto e il contrario di tutto. Ma ormai come si fa a stare tranquilli, se ogni giorno escono notizie che contraddicono quelle precedenti? Basta vedere il caso della carne cancerogena come il fumo, di questi giorni, per capire quanto sia davvero difficile avere informazioni certe su ciò che si può davvero mangiare con tranquillità.

Diciamo che sulla pasta si è espressa questa volta, in occasione del World Pasta Day & Congress 2015 che si è svolto a Expo dal 25 al 27 ottobre, l’Aidepi, l’Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane e quindi una voce autorevole.

La notizia più interessante è che non fa ingrassare, poi che fa bene alla salute e ancora, se è “al dente” risulta più digeribile. Ma vediamo nel dettaglio:

– innanzitutto non fa ingrassare perché non sono i carboidrati, ma le calorie in eccesso a essere responsabili dell’obesità

– non è vero che la pasta senza glutine fa dimagrire, anzi c’è il rischio di compensare il necessario apporto di carboidrati complessi con un’alimentazione eccessivamente ricca di grassi, ottenendo l’effetto opposto

– la maggiore digeribilità della pasta `al dente´ si deve al glutine che trattiene l’amido, rendendolo assimilabile in modo graduale.

Non è da ieri che la pasta è considerata un alimento sano: piace al 90% della popolazione e farne a meno è davvero un sacrificio. Certo se si è dieta viene più osteggiata rispetto alla carne, ma gli stessi dietologi non la eliminano dai regimi alimentari per perdere peso. L’unico consiglio è, naturalmente, la moderazione.

Condividi l'articolo
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrTweet about this on TwitterShare on LinkedIn